Nei, quando sono pericolosi, melanoma

I nei sono pericolosi? Quando preoccuparsi

Se si guarda bene la pelle, probabilmente si noteranno un certo numero di macchie piccoli gruppi di cellule cutanee che producono pigmenti. La maggior parte degli adulti ha tra i 10 e i 40 nei, e alcune persone, specialmente quelle con pelle più chiara, possono averne molti di più. I nei possono cambiare nelle dimensioni e nell’aspetto nel corso degli anni e, in rari casi, una neo può diventare un melanoma, il cancro della pelle potenzialmente più letale.
Ma se vi comportate come la maggior parte delle persone, di solito non esaminate i nei e non fate controllare periodicamente da un medico queste macchie della pelle, per determinare se stanno cambiando in modi che possono segnalare un possibile cancro della pelle.

Il basso numero di controlli medici per i nei

Un sondaggio che ha preso in esame 476 persone, pubblicato su The Journal of Clinical and Aesthetic Dermatology ha scoperto che solo il 25 per cento di loro ha riferito di controllare la pelle mensilmente e il 17 per cento ha riferito di aver effettuato un controllo della pelle solo una volta all’anno.

E’ opportuno, dunque, effettuare un controllo della pelle per scongiurare qualsiasi rischio di cancro? E se sì, con quale frequenza bisogna consultare un oncologo o un dermatologo?

Qualsiasi neo può diventare un cancro della pelle?

I nei comuni sono quelli con cui siamo nati o che si sviluppano fino a circa 40 anni. Possono cambiare o addirittura scomparire nel corso degli anni, e molto raramente possono diventare tumori della pelle. Alcune ricerche suggeriscono che avere più di 50 nei comuni può aumentare il rischio di melanoma.

Più preoccupanti sono i cosiddetti nei atipici: spesso compaiono durante la pubertà, ma possono spuntare per tutta la vita. Non sono tumori della pelle, ma possono avere alcune caratteristiche del melanoma, come i bordi irregolari. E mentre la stragrande maggioranza di questi non si trasformano mai in melanomi, è più probabile che i nei comuni diventino cancerogeni. Avere cinque o più nei atipici è legato ad un rischio maggiore di sviluppare un melanoma: molti melanomi si generano attraverso nei pigmentati, mentre i due tumori cutanei più comuni, il carcinoma a cellule basali e il carcinoma a cellule squamose, non lo fanno, sorgendo da soli dalla pelle normale.

Perché alcuni nei cambiano da benigni a cancerogeni? La genetica sembra avere un ruolo importante. E anche se il melanoma può verificarsi in aree solitamente schermate dalla luce solare, anche le radiazioni ultraviolette sembrano essere un fattore significativo. Per esempio, nei esposti ai raggi UV, come quello del sole o dei lettini abbronzanti, possono mutare, innescando la divisione cellulare anormalmente rapida che caratterizza il cancro, secondo quanto evidenziato da uno studio del 2015 sul New England Journal of Medicine ad opera Boris C. Bastian, professore di dermatologia e patologia all’Università della California, San Francisco, e colleghi.

La maggior parte dei melanomi, tuttavia, non si sviluppa da nei esistenti. Le percentuali di questa forma di cancro, che aumentano con l’avanzare dell’età, sono in aumento da almeno 30 anni: senza essere notato, il melanoma può crescere e diffondersi rapidamente, quindi gli esperti concordano sul fatto che individuarlo in anticipo è fondamentale.”Un melanoma delle dimensioni di una moneta da dieci centesimi ha il 50% di probabilità di diffondersi”, ha affermato Darrell S. Rigel, un esperto di cancro della pelle presso la NYU School of Medicine.

Quali sono i principali fattori di rischio per la pelle?

I principali fattori di rischio di cancro della pelle includono, tra gli altri: scottature solari, pelle chiara, occhi chiari, capelli rossi o biondi, predisposizione genetica al melanoma, trascorsi di cancro alle cellule basali. Le proiezioni possono anche aiutare a individuare gli ultimi due tumori della pelle, che sono più comuni, ma non così mortali come il melanoma.

Anche se siete a basso rischio, gli esperti di CR dicono che dovreste far controllare periodicamente la vostra pelle da un medico. Considerare la possibilità di chiedere ad dermatologo un numero di esami periodici, per essere sicuri di non trovarvi mai a rischio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *