indagine patrimoniale

Perché effettuare un’indagine patrimoniale

Il ruolo occupato dall’economia nella società attuale è a dir poco centrale, se non predominante. E con essa, tutte le sue sfaccettature e le tematiche alle quali è connessa. In un periodo storico come quello caratteristico di questo secolo le certezze una volta salde sono venute meno, al di là dello specifico momento attuale che rappresenta un’ulteriore complicazione ad un quadro già di per sé complesso e magmatico.

Negli ultimi decenni è aumentato in maniera esorbitante il numero di indagini patrimoniali richieste ed effettuate, proprio a causa del rischio economico sempre più alto e di tutte quelle azioni, operazioni ed eventi che possono contribuire a far vacillare la nostra serenità economica. Che cosa sono nello specifico le indagini patrimoniali? Sono quei servizi richiesti al fine di individuare tutti i beni di un soggetto (sia questo fisico, cioè una persona, oppure giuridico ossia un’impresa) che sia nella posizione di debitore insolvente o potenziale debitore.

Indagine patrimoniale: perché effettuarla

Si tratta quindi di una lunga e fitta serie di operazioni, che non si limitano soltanto alle procedure per la visura ipocatastale. Ma quali sono le possibilità che questi servizi, che devono rigorosamente essere condotti da professionisti e specialisti di un settore ogni giorno più complesso, ci possono offrire? Proviamo a fare un po’ di chiarezza in questo senso.

Le indagini patrimoniali possono rivelarci una serie incredibile di informazioni in merito al nostro debitore effettivo o potenziale, ma è ovvio che più l’indagine sarà approfondita e più crescerà di conseguenza anche il suo costo. Nella maggior parte dei casi in ogni caso non è necessaria un’indagine completa o particolarmente dettagliata, poiché già prima di commissionarla il fruitore è al corrente delle informazioni specifiche di cui ha necessità.

Di seguito, proviamo ad elencare alcune informazioni di cui potremmo venire a conoscenza nel caso in cui ricorressimo ad una soluzione di questo tipo:

  • Disponibilità di redditi derivati da lavoro dipendente o da pensione INPS
  • Possesso beni mobili (auto, moto, imbarcazioni, velivoli) ed immobiliari
  • Gestione di eventuali attività economiche o partecipazione in imprese, in Italia o all’estero
  • Conti correnti in Italia o all’estero intestati al debitore
  • Redditi occulti
  • Iscrizione ad albi o simili
  • Rintraccio di varie informazioni: residenza, sede legale, partita iva, utente telefoniche
  • Altre informazioni quali per esempio varie tipologie di visure

Come abbiamo visto quindi, i campi che possono essere interessati da un’indagine patrimoniale sono davvero un’infinità, ma l’utente interessato potrà analizzare la situazione di modo da far concentrare gli sforzi lavorativi del professionista solamente su determinate aree di suo interesse. Sarà quindi nostro compito indirizzare lo specialista, tracciandogli un quadro della situazione quanto più preciso e specificando di quali campi vogliamo che la l’indagine ci metta al corrente.

Quando è possibile eseguirla

Passiamo adesso alle casistiche nelle quali è effettivamente possibile, oppure non lo è, effettuare un’indagine patrimoniale. Il presupposto necessario è essere consapevoli che eseguirne una rientra tra i diritti di qualsiasi cittadino ed ente.

Dunque, nel momento in cui ci troviamo ad avere a che fare con un debitore non pagante di qualsiasi entità, saremmo assolutamente legittimati in ogni caso ad avviare uno di questi processi. In parecchie situazioni purtroppo le vie legali rappresentano l’unica strada perseguibile per arrivare ad un punto di svolta e di risoluzione della situazione.

Una delle situazioni che più frequentemente vedono l’utilizzo di indagini patrimoniali, in maniera anche piuttosto efficace, è certamente rappresentata dal recupero crediti. Questo perché nel momento in cui il debitore fosse in possesso di beni, si ritroverebbe a poterli perdere e dunque diverrebbe immediatamente più propenso ad estinguere il suo debito.